Stampa questa pagina
Domenica, 11 Febbraio 2018 16:41

Spazzolamento (trucchi e storia)


Tu, come te li lavi i denti?

Spinti soprattutto dal desiderio di rinfrescare l'alito, nella maggior parte dei casi, ci laviamo i denti con regolarità ma non seguiamo correttamente le indicazioni forniteci dal nostro Igienista dentale oppure tendiamo a sottovalutare l’importanza di mantenere costanza nel seguire le sedute di mantenimento di igiene dentale programmate con il nostro dentista di fiducia.

Qui di seguito, ti elenchiamo alcuni semplici suggerimenti per migliorare lo spazzolamento dei denti a partire dallo spazzolino e dal dentifricio :

- Utilizza uno spazzolino dentale sintetico;

- Spremi il dentifricio all’interno delle setole, non appoggiarlo semplicemente su di esse;

- Lo spazzolino deve essere asciutto, così agevolerai il rilascio lento del dentifricio;

- Non mettere tanto dentifricio sul tuo spazzolino in quanto si potrebbe creare troppa schiuma e potresti aver voglia di sputarla e finire prima del tempo;

- Apri l’acqua solo dopo aver completato la pulizia dei denti per rimuovere via la saliva dallo spazzolino e per sciacquarlo.

Cenni sulla storia dello Spazzolino

Fin dalla prima storia documentata, è stata trovata traccia dell’utilizzo di una varietà di strumenti per l'igiene orale. I primi spazzolini, sembra siano stati ideati intorno al 3000 a.C. Si trattava di rametti con finale sfilacciato che venivano masticati fino a renderli morbidi, per poi strofinati sui denti.

Varie forme di spazzolini da denti sono stati utilizzati da molti popoli, durante i secoli.

Lo spazzolino con setole di maiale (fissato a impugnatura di osso o bambù) ebbe invece origine in Cina verso la fine del Quattrocento.

In Europa si utilizzavano i peli di cavallo. La svolta giunse nel 1938 con la scoperta del nylon e la nascita dei primi spazzolini sintetici.

Per millenni la pulizia dei denti veniva effettuata soprattutto per renderli più bianchi:

Gli Antichi Egizi lo facevano mescolando la pietra pomice polverizzata con l’aceto di vino.

Gli Antichi Romani usavano un colluttorio davvero «curioso», l’urina, che per via dell’ammoniaca possedeva un forte potere sbiancante.

Verso il 1300 si usò l’acquaforte, una soluzione di acido nitrico molto abrasiva, che sbiancava i denti ma ne corrodeva lo smalto, aprendo la via alle carie.

Al giorno d’oggi, gli strumenti e le tecniche di spazzolamento e di sbiancamento dentale, anche grazie alle esperienze tramandate dai nostri Avi, sono notevolmente cambiati.



Se gradisci avere maggiori informazioni puoi contattarci telefonicamente:

0121-397878



Scrivici una mail o fissa un appuntamento, sarai ricontattato al più presto:

e-mail

Prenota Visita



Non dimenticare di seguirci anche sui nostri Social:

Pagina Facebook

Instagram

Letto 995 volte